giovedì 26 aprile 2012

Quaglia arrosto...

Sottotitolo al post: Cose che le mamme non dovrebbero MAI sapere!!


 Eh si....perchè la mia mammotta  le quaglie le cucina da sempre e io da sempre mi sono rifiutata anche solo di assaggiarle!
Quindi quando ho visto il contest delle Caramboline ho immediatamente scartato l'idea di partecipare, se non fosse poi che la curiosità (maledetta, quella che mi frega sempre!) ha avuto il sopravvento, così sono andata dal macellaio e ho comprato 1 dico UNA quaglia!
Di seguito la conversazione con la mia Adele quando le ho confessato che non solo avevo cucinato la quaglia, ma l'avevo addirittura mangiata!


-Sai mà che oggi ho cucinato una quaglia?
- da bon? Ta ghe de fa piooof? Ti e mai magià (davvero? Devi far piovere? Non le hai mai mangiate)
- Dai mamma, dovevo farle, l'avevo promesso alle Carambole...e gli ingredienti li ha scelti Sadler, insomma...mica nonna papera (senza nulla togliere a nonna papera), e magari vinco pure una cenetta in un bel ristorante, ci andiamo insieme!!!!
- sa in i Carambul? (cosa sono le Carambole?)
-Sono due amiche che hanno un blog, te l'ho già spiegato... (alza gli occhi al cielo, ormai sa cos'è un blog!)
- si ma quand t'i preparavi mi t'hai mangiavat no, adess  basta vun chel sa ciama Sadle... e po chi l'è sto Sadle? (si ma quando te le preparavo io non le mangiavi  e adesso basta uno che si chiama Sadle...e poi chi è questo Sadle? ) (inizia a sorridere)
-SadleR, mamma, con la R finale.... è un supermegachef stellato, uno che ne sa.... ma ne sa davvero!!!!
- Perchè, mi an so minga? An so cumpagn de Sadle, in 50 ann che fo i quai (perchè, io non ne so? Ne so come Sadle, sono 50 anni che faccio le quaglie)
- E  io mi son decisa solo adesso ad assaggiarle, meglio tardi che mai, no?
- si, si, va ben.... alura bruntula pu quant' ai fo (si, si, va bene... allora non brontolare più quando le faccio) (sta ridendo!) Ma ti e fa? (come le hai fatte?) Ta se propi scema! (è il suo modo per  dirmi che mi adora!!! ^____^)
e ora ridiamo tutte e due!!!!

Eccola qui, la mia ricettuzza:

Quaglia arrosto con crema di asparagi - mia!
Ingredienti:
1 quaglia pulita
8 asparagi
1 prugna secca denocciolata
1 cucchiaio di pangrattato
2 fette di pancetta arrotolata (affettata dal macellaio a macchina, dello spessore standard affettato)
1 noce di burro chiarificato
8 foglie di salvia
1 bicchiere di vino bianco
sale e pepe q.b.

La quaglia era già pulita, quindi l'ho solo lavata sotto acqua corrente. Ho preparato il ripieno tritando 3 foglie di salvia, la prugna e la pancetta a coltello e mescolando il trito col pangrattato. Ho inserito quindi il ripieno nella pancia della quaglia, ripiegato le zampette e legate con dello spago in modo che non facessero uscire il ripieno.
In una casseruola di alluminio ho fatto sciogliere il burro, aggiunto il resto delle foglie di salvia intere, la quaglia e fatto rosolare un pochino. Ho aggiunto quindi gli asparagi puliti e tagliati a tocchetti piccoli, quindi ho sfumato con il vino bianco e chiuso col coperchio. Dopo 10 minuti ho dato una spolverata di sale e pepe e richiuso. Ho lasciato cucinare per un'altra mezz'ora rigirando la quaglia di tanto in tanto.
A fine cottura ho tolto gli asparagi e li ho frullati senza aggiungere nulla perchè avevano preso il sapore del vino e si erano ben insaporiti con la salvia.

Ho servito la quaglia con due rosti di patate e la salsa di asparagi accanto!
Ora...non è bello fotografare il lato B di certe signore, ma ho fatto uno strappo e da qui  si vede il ripieno!


Che dire.... non ho termini di paragone perchè non avevo mai mangiato quaglie prima, ma questa mi è piaciuta! Il ripieno dolce/salato ha dato un tocco in più alla carne e la salsa di asparagi era davvero gustosa!
Piatto promosso anche dalle belve, quindi direi che io la mia personalissima prova l'ho superata!

Con questa ricetta partecipo al contest di Sonia e Simona:  la sfida del due

Partecipo anche al contest di cucchiaio e pentolone: ricette ripiene


Buona giornata
Paola
Bookmark and Share
Stampa il post

8 commenti:

l'albero della carambola ha detto...

No Paola...questo post me lo stampo e lo appiccico sul frigo: le mie colleghe si stanno chiedendo cos'è successo...non riesco a smettere di ridere!!! La tua mamma è un MITO e tu una GRANDE...Grazie di cuore per la tua ricettina e per aver "affrontato" questo "oggetto" strambo...Ovviamente stampiamo e sottoponiamo a Sadler anche la conversazione, of course....Mitica!
Un abbraccio speciale
simo e sonia (i Carambul!)

dauly ha detto...

grandi le mamme, coi piedi per terra e senza mezze misure, e c'hanno pure ragione, anni di cucina poi arriva 'sto Sadle che ti scombina tutto!!
certo che però scombina bene eh!!
prendo il link cara, e un bacione alla mamma!

Damiana ha detto...

Hai tutta la mia stima cara Paoletta:hai superato la fobia per questi volatili!!Perdonami tesò,ma non sai che faccia ho dinanzi a queste signore,me ne dispiace,perchè vedo che le hai preparate con tanta cura,ma io non riesco neanche a guardarle dal macellaio...oddio gli hai spezzato anche le zampetteeeee!!Ciao amoruccio bello,mi perdoni????
p.s un bacio alla tua mamy,assomiglia tanto alla mia!!

Anonimo ha detto...

Che ridere, il discorso tra te e Adele, mi ricorda lo spot tra Garibaldi/Marcorè e la mamma che si offende perchè qualche mamma lava meglio di lei le camicie...
Ah neppure io mangio quagliotte di solito...ma chissà....
Miriam

Chiara Picoco ha detto...

Bravissima! Adoro le persone che accettano le sfide andando oltre i loro preconcetti.
Bellissima questa quaglietta imbottita.

piccoLINA ha detto...

Carambole...magari tagliate qualche riga della conversazione pliiiiis...che poi il maestro se ne ha a male! hehehehe!
Dauly come hai ragione, piedi ben piantati in terra la mia adele, e' la mia sicurezza!
Damiana, teso'!!!! sto ridendo come una cretina per le zampette spezzate...ma ti giuro che erano gia' cosi'!!!! hihihihih
Miri: e pensa che l'Adele e' proprio cosi'... mi fa troppo ridere!
kikina miaaaaa.... te la preparo quando vuoi, ormai il primo passo e' fatto! :-)

Baci baciiiiii

fantasie ha detto...

Io le mangiavo da piccola, perché mio papà le adorava e le cacciava anche... poi il nulla, mia mamma, che evidentemente come te, non le mangiava, quando mio padre non le ha portate più non le hai mai rifatte... E se penso al piccione che ho mangiato l'altra sera dall'allievo di Marchesi, mi viene l'acquolina in bocca...

Tiziana ha detto...

troppo forte questo post... ahahah.. poi la quaglia mi sa che ti è venuta proprio bene, ho partecipato anch'io pur non avendo mai fatto la quaglia, c'è sempre una prima volta e poi non è per niente male, anzi!!! ciaoooo

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails